Crea sito

Il dilemma del burkini

Il mio corpo non è libero. Il mio corpo – il corpo di una donna – è sempre veicolo di significati, pubblico demanio, proprietà altrui. I centimetri di pelle che scopro segnalano la disponibilità sessuale, la disinvoltura, l’agio con cui vivo la mia forma. Il mio corpo è un messaggio e l’abbigliamento è il suo alfabeto.

Cose che faccio nei prossimi giorni (un post riassuntivo)

Posti, cose, libri, argomenti.

Italo e i soldi degli omofobi (che non puzzano)

Le scelte commerciali non sono quasi mai neutre o oltre l’ideologia.

Ultimi post

The Artist Formerly Known as Alive

Era alto come due barattoli di Coca-Cola e compensava con tacchi assurdi che erano perfettamente in linea con la sua immagine: un uomo afroamericano che si spogliava dei rifugi della mascolinità e si esibiva in abiti attillati, lascivo e brutale e preciso.

Read More 0 Comments

Il commento è morto, viva la conversazione

I commenti sui blog (i giornali, i siti) hanno fatto il loro tempo: le discussioni sono altrove.

Read More 0 Comments

Italia e teocrazia: succede anche qui (anche se non lo sai)

La religione influenza le leggi in materia di diritti civili, in Italia come nei paesi islamici.

Read More 0 Comments

Lo sai che tuo figlio è un bullo?

Smettete di dire alle vittime di denunciare o di “farsi rispettare” e cominciate a fare il vostro lavoro di adulti.

Read More 0 Comments

La Colonia in sé e la Colonia in te

Non abbiamo niente da insegnare agli immigrati che arrivano in Italia: la violenza di Colonia è già tutta intorno a noi.

Read More 53 Comments

Noi e loro: il problema della tolleranza

“Tolleranza” è la parola sbagliata per costruire una società.

Read More 10 Comments